La perfezione non è di questo mondo, per fortuna!

 Le Ormere – Greco di Tufo 2012

 

Come si dice: ‘trovata la regola scoperto l’inganno‘, è un po’ questa la filosofia che ormai caratterizza il mio percorso di abbinamento tra pietanze cucinate, o non, e il nettare di Bacco, dopo naturalmente aver adeguatamente digerito le regole auree di abbinamento cibo-vino imparate da oltre 15 anni ai corsi AIS e collegati.

Oggi la parte divertente del gioco degli abbinamenti è quale punto di partenza prendere come riferimento, mi spiego meglio: in alcune circostanze è il persistente desiderio di stappare una bottiglia ben conservata in cantina, magari da un po’ di tempo, a farmi ingegnare al meglio per preparare un piatto che riesca a valorizzare la boccia stessa, in circostanze opposte è la presenza di materie prime particolari in frigo con le quali preparo un piatto di tradizione o di cucina creativa che mi fa fermare un attimo per scegliere il vino più adeguato alla circostanza.

 

In questo caso i due componenti del gioco si sono cercati vicendevolmente e, amorevolmente, si sono trovati in armonia, avevo una bottiglia di Greco di Tufo 2012 di Le Ormere regalatami dall’amico Franco Notarianni della delegazione AIS di Avellino che ho voluto far riposare qualche mese prima dello stappo, non amo i bianchi giovani, tutti note fermentative e acido citrico, ma i tempi erano maturi e l’acquisto mirato di rucola selvatica e di freschissimi gamberoni rossi (pagati un botto) hanno definitivamente completato il piano.

 

Il pesto di rucola l’ho fatto frullando al mixer (il mortaio di marmo dati i tempi stretti per la preparazione l’ho evitato!!!): rucola, uno spicchio di aglio, una manciata di noci, un po’ di parmigiano grattugiato, del peperoncino e olio extravergine di oliva, una volta ottenuto il composto ho completato con il liquido contenuto nel carapace dei gamberoni a conferirgli quel tocco marino, ho coperto con carta trasparente e messo a riposare in frigo in modo da evitare anche possibili ossidazioni, conservando il bellissimo colore verde scuro della verdura.

In una piatto piano ho sgusciato i gamberoni privandoli del sacco vitellino e li ho tagliati grossolanamente, quindi li ho riposti in frigo ad affiancare il pesto.

 

 

 

Le Ormere è una realtà produttiva giovane di Santa Paolina, nata nel 2012, che lavora in biologico senza certificazioni e con l’aggiunta minima di solfiti solo in fase di imbottigliamento, il vino è contenuto nella classica bottiglia alsaziana, ormai un must per la tipologia (Mastroberardino docet), le vigne hanno oltre 10 anni perché in passato si vendevano le uve alla Cantina Sociale.

Mentre la pasta cuoceva, o meglio il fusillo Di Martino di Gragnano,…

http://www.wineatwine.com/it/vino/abbinamenti/greco-di-tufo-fusilli-al-pesto.html

 

 

Cla

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.