Gradevole evoluzione di un vitigno poco conosciuto

Les Granges – Vallèe d’Aosta Fumin 2010


Gualtiero Crea e Liana Grange, in un unica parola Les Granges, iniziano come conferitori alla cantina sociale locale (Chambave e la Crotta di Vigneron) per produrre vino da consumo quotidiano ma soprattutto personale, poi con un successivo allargamento delle vigne possedute in zona Nus (AO), stiamo parlando di 2,5 ha totali non di 250, e la realizzazione di una cantina tutta propria, decidono di imbottigliare e vendere anche fuori da perimetro aziendale.

Riscoperta di vitigni autoctoni, Fumin, Cornalin, Pinot Gris, Maiolet, Pinot Noir e Petit Rouge e produzione nelle 15.000 bottiglie, con grande spazio a trattamenti poco invasivi in vigna e cantina, grazie anche ad una posizione di tutto rispetto a circa 600 mslm.

L’assaggio del Fumin è straordinario grazie ad una distenzione perfetta in vetro dopo oltre un anno dall’acquisto e circa 4 dalla vendemmia, rubino concentrato e impenetrabile con ricordi marcatamente violacei, naso per nulla prorompente ma assolutamente puntuale: prato verde irrorato da un bellissimo sole, cenere ancora calda, melograno, violette, alloro fresco, radice di zenzero, una balsamicità che d’improvviso irrompe senza timore a dominare la scena su un sottofondo vegetale.

La bocca è succosissima, piena di frutta e fiori rossi e con una componente alcolica molto ben dosata, il tannino è delicato e piacevole, si riavvertono al palato note fresce di mirtilli e una sapidità che vien fuori ben presto dopo la deglutizione.

Un vino dalla persistenza adeguata alle aspettative, non un mostro di struttura ma un gigante di gastronomicità, il corpo è giocato tutto su un equilibro stabile e naturale, su una bevibilità invitante e dissetante, un sorso da domenica al lago o da grande tovaglia sul prato con frittatine, pezzettini di formaggio vaccino e salumi affumicati, gran bella scoperta di Luca Miraglia per la Napoli multi-enoica e di nicchia, una gran bella intuizione attenderlo un annetto in più dopo il primo assaggio!!!


Cla.

  

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.