Perchè fare sempre gli esterofili?

Domaine Riesch – Entre chien et loup 2012

 

Parlano i Vignaioli a Bari, gennaio 2014, grande cellula anarchica e dissociata di una quindicina di sbevazzatori compulsivi di vini naturali e la ingorda ricerca di conferme che possano darci l’autostima persa in altri campi, scherzo, perpetua degustazione di vini dall’approccio purista in vigna e in cantina.

Tra i tanti assaggi conosciuti e meno, in un angolino a cavallo delle due sale di degustazione un importatore di alcuni vini del Domaine Rietsch, zona Alsazia, tra i tanti sorsi mi incuriosisce questa classica bottiglia alsaziana con una etichetta quasi serigrafata con l’immagine di un lupo e un cane dallo sguardo tra il furbo e il babbeo, ma comunque rassicurante.

Degusto fugacemente come è normale che sia in queste occasioni e me ne assicuro due bottiglie da portare a casa, trattandosi di un tipico ‘vin de soif’, per di più  prodotto con lo sconosciuto vitigno Pinot Auxerrois, una varietà locale raramente vinificata in purezza e generalmente utilizzata in blend con Sylvaner o Riesling.

A casa ristappato dopo un paio di settimane ho ritrovato un vino fedele all’assaggio di qualche tempo prima e soprattutto fedele al suo essere insolito: paglierino scarico, profumi appena sussurrati di citronella, menta limoncella, pompelmo e qualche lontano richiamo minerale, al palato entra teso e verticale, acido, scorrevole, ripulente quanto corto nella persistenza.

Vin de soif, assolutamente vin de soif, perfettamente abbinabile a un brunch di primavera con tartine al salmone e salumi molto grassi ma non particolarmente speziati, la domanda che mi pongo però è: ‘c’era bisogno di spendere 12 euro per trovare un vino naturale dalla beva dissetante e scorrevole fuori dei confini nazionali?

Mi vengono in mente, i Soave di Stefanini, il Sassaia di Maule,  il Carso bianco di Korsic o il Bianco della Costa D’Amalfi di Monte di Grazia, per dirne 4, ma forse a volte compro (si compra) per fare i fenomeni con gli amici di bevuta o anche per ampliare i propri orizzonti un attimo!

 

Cla

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.