Milk stout quasi da colazione

Birrificio Geco – Pecora nera (Milk Stout)


Se vuoi bere una una Stout di quelle dissetanti non c’è altra alternativa che lanciarsi su una Milk, tipica irlandese con l’aggiunta di piccole dosi di lattorio per ammorbidirla, una scura ma di quelle delicate, sussurrate, dalle tonalità gusto-olfattive mai invadenti e in grado di farsi apprezzare anche dai meno avvezzi alla tipologia.

Il birrificio Geco in Cornaredo (Mi) realizza molte tipologie di birre artigianali che sono in grado di soddisfare i palati più esigenti, io dopo aver provato la Barabba, una Stout di quelle cattive e senza compromessi gustativi, sono andato alla prova anche della versione più rotonda e femminile da abbinare non ad un dolce al cioccolato e a della pasticceria secca a base di caffè come molti esperti consigliano ma con dei Wustel artigianali altoatesini dalla media speziatura oltre a  contorni vari (crauti, patate cicoria), che riuscisse a rendere il sorso e il pasto scorrevole e appagante ma non impegnativo.

Nel bicchiere il color ebano quasi tinge la pinta, la spuma è ricca e molto compatta anche se le bollicine in essa contenuta sono abbastanza grandi, resta nel bicchiere per un bel po’ prima di dipanarsi e spingermi al sorso goloso, gli odori sono molto delicati, cioccolato al latte, nocciola tostata, sensazioni di torrefazione, caramello bruciacchiato in padella e tutto un ventaglio di aromi dolci: tabacco da pipa e vaniglia.

La dolcezza pervade anche il gusto con quella sensazione lattica e cremosa, sembra quasi di bere un cappuccino fresco, la persistenza e la complessità non sono le sue doti migliori ma non penso sia prodotta per questo, resta una birra piacevole da aperitivo o da ritorno da lavoro, col mio piatto in abbinamento non ha disdegnato, ricordandomi un pò le black ceche beverine e dal cropo sinuoso, provate nei pub di Praga in abbinamento a maiale e pollame con patate e verdure.


Cla

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.