La Barbera con un piede nel passato e lo sguardo al futuro

Cantina del Glicine – Barbera d’Alba 2009 La Dormiosa

 

Cantina del Glicine ha una cantina risalente alla fine del 1600 ma soprattutto una storia ben radicata in Neive con soli quattro ettari di vigna prevalentemente a Nebbiolo ma senza tralasciare Barbera e Moscato, da sempre vitigni da bottiglie legate al consumo quotidiano.

La Dormiosa è una Barbera d’Alba futuristica con un saldo (15%) di Nebbiolo da Barbaresco come da tradizione locale per stemperarne l’acidità e impreziosirla e un breve affinamento in barrique di media tostatura a dare un tocco moderno e complesso al tutto.

Il gioco che ne esce ha diversi livelli emozionali e di percezione gustativa, rubino matto privo di trasparenze con cupezze tendenti al granato, in primis spiazza per una olfattività priva di timidezze ma anzi maledettamente estroversa e complessa per la tipologia: anice stellato, cedro candito, muschio secco e sottobosco senza neanche roteare il calice, poi l’ossigenazione non scompone la sua eleganza, ma la amplia nei richiami: mela cotta, gelatina di mela cotogna, bacche di ginepro, rosa canina e  balsamicità, una vino talmente semplice nella riconoscibilità olfattiva da risultare a tratti caleidoscopico ma che addirittura mi spinge ad una salivazione precoce.

Al palato invece è tutt’altro che domo anzi a dir poco scomposto e scontroso, ‘un trip‘, tutte le sensazioni tattili vanno un pò per fatti loro, si concentra inizialmente su riconoscimenti di cioccolato, fumè e tante spezie secche, emerge subito la vena acida e dall’altro la nota calda un pò invadente e a chiudere una sapidità decisamentre scissa e granulosa, ma fortunatamente è solo l’inizio.

Basta attendere il giusto, 5/6 minuti, per trovare una ricomposizione del gusto e della materia, si distende, si allunga e diventa impressionante: il tannino è decisamente asciutto ma anche vellutato, a conferma che barrique e Nebbiolo hanno fatto il loro dovere, non è il classico vino da bere d’un sorso o da sveltina al buio, è una bevuta da fare con serenità, da abbinare al cibo per fare emergere l’anima fruttata, succosa e a tratti nobile della tipologia, una bevuta dove tutte le componenti sono in scena a fare il loro dovere: ricco ma non morbido, caldo ma non alcolico,  molto persistente e decisamente saporito, una Barbera d’Alba con i controcaxxi, senza dubbio per palati fini!!!

 

Cla 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.